martedì 20 settembre 2016

Miracolo a Piombino premiato a Massa

 
Sono contento di comunicare che Miracolo a Piombino - Storia di Marco e di un gabbiano, Historica Edizioni (di Francesco Giubilei) ha vinto la Sezione "Narrativa" del Premio Letterario Europeo "Massa città fiabesca di mare e di marmo". Un libro che è piaciuto a Pupi Avati e che parla di Piombino. Di seguito il comunicato del Premio. Quarta Sezione D) - Libro di Narrativa edito (pubblicato negli ultimi dieci anni). Vince il primo premio di € 500 donati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara Gordiano Gordiano Lupi (Piombino LI) con l’Opera “Miracolo a Piombino” (Historica edizioni). Inoltre pergamena-ricordo, pregiata bottiglia di vino di Candia.



Gordiano Lupi
www.infol.it/lupi

giovedì 15 settembre 2016

Gaspar, El Lugareño: Un Poema de Félix Luis Viera

Gaspar, El Lugareño: Un Poema de Félix Luis Viera: Nota: Cada lunes la poesía de  Félix Luis Viera.  Puedes leer todos sus textos, publicados en el blog,  en este enlace .  Traducción al ita...



https://www.amazon.it/patria-unarancia-F%C3%A9lix-Luis-Viera-ebook/dp/B00Z8MB9UA

domenica 11 settembre 2016

Impressioni cretesi


Mare di sabbia e sassi. Scogliere e arenile, piccolo golfo d’un’isola dove soffia il vento polveroso della storia. Palme nane mediterranee, piccoli lecci, abeti di mare e piante grasse. Vegetazione da terra arida bruciata dal sole. Ficus Beniamino alto e svettante, banani imponenti, fichi, olivi, iris dai fiori rosso fuoco, che a Cuba ho sentito chiamare Mar Pacifico, rocce rupestri riarse, montagne e altopiani da spaghetti-western, pure se qui li chiamerebbero feta-western. Paesaggio troppo simile al luogo natio per renderlo straniero ai tuoi occhi, luogo trove trovare consonanze più che dissonanze. Casa sul mare, terrazza affacciata tra tamerici salmastre e arse, pitosfori, oleandri e barba di Giove. Larici, conifere di mare, non pini marittimi, ma un modo cretese d’esser tali. E il fico degli ottentotti non ancora fiorito, forse ormai sfiorito, bruciato dal sole, confuso dal vento. Piccola strada notturna tra venditori di mare, i soliti cinesi, identici kebabbari, luogo dei luoghi del mondo, e mercanti che vendono Creta ai turisti formato ricordo. I viburni fioriti, come farfalle crepuscolari, il profumo intenso del mare sospinto dai venti del Peloponneso. Isola tra le isole che ricorda la mia penisola affacciata su un’isola.
Siamo uomini fatti e finiti, ormai, e abbiamo tutti moglie, macchina, figli che studiano al liceo, al professionale, al tecnico, e stanno tentando di costruirsi un avvenire, mentre frequentano le spiagge a est e a ovest della città, secondo il corso dei venti. Siamo uomini fatti e finiti e cominciamo a ingrassare e ad avere calvizie, pancetta, corpi flaccidi, a usare occhiali per leggere e per vedere da lontano, a sentire malesseri dopo aver mangiato e bevuto, mentre spunta sulla nostra pelle qualche grinza, qualche solco rugoso.
“L’amore? Un bicchier d’acqua. Vuotato il bicchiere finito tutto”. No, non è mia, ma di Elias Canetti. Pure perché non è il mio pensiero, non riesco a farlo mio. Potrà valere per qualche rapido amore che non sia tale, tra uomo e donna, potrà valere per l’illusione d’amore. Ci sono coppe che non si svuotano, pozzi di San Patrizio interminabili. Non solo. C’è l’amore per un figlio, l’amore per la propria terra, l’amore per chi ti ha dato la vita e cresciuto. Certo, il misero amore basato sul rapporto sessuale è destinato a diventare un bicchiere vuoto, una volta esaurito il liquido che l’alimentava è impossibile riempirlo.
Avrei dovuto essere ungherese, credo. Per questa mia strana predilezione per la nostalgia, per un passato che non può tornare, per l’autocommiserazione che mi pervade nelle cose che scrivo. Il mio solo obiettivo è quello di osservare le foto del passato, istantanee ideali o reali non importa, e ritrovare uno solo di quei giorni, proprio com’era, di ritrovare me stesso al punto di partenza e rimettere tutto in ordine, partendo da errori che non vorrei ripetere. Che dire? Erano valige troppo pesanti per quegli anni, forse. Nei miei anni perduti vigeva la buona abitudine di passare i pomeriggi giocando a pallone nei cortili, nei giardini e negli oratori di quartiere. E una cosa il calcio e la vita hanno in comune: le cose non vanno mai come uno spera che vadano…
Il ritorno a casa. L’aria ferma, come succede spesso a Piombino d’estate, un mondo immobile di silenzi e sospiri. Pensare di nuovo a quel treno che va, tra il mare e la polvere di carbone, nella triste campagna assolata del mio promontorio, tra filari di viti e tamerici contornate da oleandri, a ritrovare amici perduti, certe strade abbandonate nella memoria e a quel bar all’angolo del corso dove facevano il caffè buono. Un posto perduto, come il mio tempo che scorre, sabbia impalpabile tra dita leggere. Un bar di cui resta una storica insegna: Nazionale, dove ormai non senti odore di caffè, ché vendono vestiti, come restano insegne Supercinema e Sempione, altari abbattuti, sacrificati al tempo che passa, alle mode che cambiano. E non è più tempo di cinema…